Urbanistica

Le ultime news dal mondo dell'edilizia
  1. 03/04/2020 – Per rilanciare il settore delle costruzioni dopo l’emergenza coronavirus è necessario potenziare e stabilizzare i bonus fiscali per la casa e semplificare gli strumenti urbanistici e le procedure amministrative.   Queste alcune delle azioni proposte per il rilancio dell’edilizia da Fillea Cgil e Legambiente, dalla Federazione degli Ordini degli Architetti P.P.C. del Lazio e da Rete Irene.     Rilancio edilizia con ecobonus, il Piano Fillea-Legambiente Il Piano Fillea-Legambiente prevede di prolungare fino al 31 Dicembre 2025 Ecobonus e Sismabonus per i condomini, prevedendo una riduzione minima del fabbisogno energetico di almeno il 50% o il raggiungimento della classe energetica B per aiutare le famiglie a risparmiare.   A fronte di ulteriori riduzioni dei consumi si potrebbero aumentare gli incentivi in maniera progressiva (innalzare l’attuale incentivo massimo fissato al 75%) sul modello seguito da altri paesi..
    Continua a leggere su Edilportale.com

  2. 03/04/2020 – Le disposizioni del Governo per contrastare l’emergenza coronavirus impattano fortemente sulle attività svolte dai geometri. Le attività professionali, infatti, anche se non sono state sospese, devono essere svolte in modo tale da garantire la sicurezza. Per questa ragione il Consiglio Nazionale dei Geometri e Geometri Laureati (CNGeGL) ha pubblicato un vademecum che spiega come orientarsi nelle mansioni concernenti l'amministrazione condominiale, i cantieri edili, il catasto, la sicurezza antincendio e le valutazioni immobiliari.     Coronavirus, Geometri: come orientarsi nei cantieri aperti La guida del CNG è suddivisa in base agli ambiti di intervento.   Ad esempio, nell’ambito di lavori di coordinamento in cantiere (per le attività non sospese), il CNG suggerisce di adeguare il Piano di sicurezza e coordinamento, valutando se le prescrizioni di profilassi anti-contagio previste..
    Continua a leggere su Edilportale.com

  3. 03/04/2020 - Come filiera dell’edilizia sentiamo la responsabilità “di guardare fin da ora al dopo, a quando dovremo ricostruire questo Paese (grandi opere, rigenerazione urbana, efficientamento energetico, efficientamento sismico, ecc.). Sappiamo infatti che saremo il solo settore che, seppur martoriato e ferito come tutti gli altri, potrà mettersi a lavorare da subito per tutti, con ricadute positive anche per altri settori della nostra economia ai quali servirà necessariamente più` tempo per ripartire, perché´ legati alla ripresa dei consumi interni oltre che internazionali”.   Federcomated: ‘chiediamo interventi immediati’ “Per questi motivi, dopo un attento esame della memoria inoltrata da Confcommercio alla Commissione Bilancio del Senato in merito ai contenuti del decreto ‘Cura Italia’, oltre a condividerne pienamente l’analisi e le proposte avanzate per FARE DI PIÙ,..
    Continua a leggere su Edilportale.com

  4. 03/04/2020 - Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti assegna ai Comuni 14 milioni di euro per 321 progetti di messa in sicurezza di edifici e strutture pubbliche.   Si tratta di risorse del ‘Fondo Progettazione Enti Locali 2018 e 2019’ non utilizzate dalle Province e città metropolitane alle quali erano state precedentemente assegnate, ma che avevano presentato meno progetti di quanti il Ministero avrebbe potuto finanziare: 272 progetti per 20,4 milioni di euro a fronte di uno stanziamento di circa 35 milioni di euro.   A differenza delle Province e città metropolitane, i Comuni avevano presentato più di 2.000 progetti ritenuti ammissibili ma la cifra che avevano ricevuto, 12,5 milioni di euro, era bastata a finanziarne solo 833. Progettazione enti locali, 14 milioni di euro ai Comuni Da qui la necessità dello spostamento dalle Province e città metropolitane ai Comuni dei 14 milioni di euro inutilizzati,..
    Continua a leggere su Edilportale.com

  5. 02/04/2020 – La sospensione di tutte le attività non fondamentali durerà fino al 13 aprile 2020. Poi si valuterà la prospettiva di una fase 2, quella della convivenza con il virus, prima di entrare nella fase 3, quella dell'uscita dell'emergenza con il ripristino delle attività lavorative e sociali.   A dichiararlo il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, che ha annunciato nella conferenza stampa di ieri sera di aver firmato il DPCM 1° aprile 2020 che proroga fino al 13 aprile 2020 le misure per il contenimento del contagio previste dal DPCM 22 marzo 2020 e del DPCM 25 marzo 2020.   Coronavirus, i cantieri che rimangono fermi Rimangono sospese, quindi, tutte le attività già fermate dai precedenti decreti: le costruzioni di nuovi edifici residenziali e non residenziali, lo sviluppo di progetti immobiliari, i lavori di demolizione e tutte le attività di preparazione del cantiere edile..
    Continua a leggere su Edilportale.com

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità. Clicca su OK per accettare il loro utilizzo.