Urbanistica

Le ultime news dal mondo dell'edilizia
  1. 21/02/2020 – La traduzione in pratica del bonus facciate sconta ancora qualche dubbio. Ad esempio, non è chiaro cosa si intenda precisamente per facciata visibile perché ci sono una serie di casi intermedi su cui riflettere, alcuni segnalati da professionisti e privati sul FORUM di Edilportale.   Bonus facciate e perimetro visibile La Legge di Bilancio 2020, nell’istituire il bonus facciate, ha stabilito che la detrazione spetta per gli interventi finalizzati al recupero o restauro della facciata esterna.   Per tentare di fare chiarezza, l’Agenzia delle Entrate ha spiegato che il bonus facciate si applica "sull’involucro esterno visibile dell’edificio, vale a dire sia sulla parte anteriore, frontale e principale dell’edificio, sia sugli altri lati dello stabile (intero perimetro esterno). La detrazione non spetta, invece, per gli interventi effettuati sulle facciate interne dell’edificio fatte salve quelle..
    Continua a leggere su Edilportale.com

  2. 21/02/2020 – Anche se il bonus facciate si sta delineando sempre più, permane ancora qualche dubbio. Come si calcola la superficie interessata dagli interventi senza infrangere la normativa sui requisiti minimi di efficienza energetica degli edifici?   L’Associazione nazionale per l’isolamento termico e acustico (Anit) ha confrontato le norme esistenti, mettendo in luce i punti controversi.   Bonus facciate, la Legge di Bilancio e la Circolare del Fisco La Legge di Bilancio 2020 prevede che debbano rispettare i requisiti minimi di efficienza energetica “i lavori di rifacimento della facciata, non di sola pulitura o tinteggiatura esterna, che influiscono anche dal punto di vista termico o interessano oltre il 10% dell’intonaco della superficie disperdente lorda complessiva dell’edificio”. SCARICA LA GUIDA DI EDILPORTALE AL BONUS FACCIATE   Il calcolo del 10%, sottolinea l’Anit, sembra riferito all’intonaco..
    Continua a leggere su Edilportale.com

  3. 21/02/2020 - La Sardegna punta al rilancio del settore edile e studia misure per potenziare le detrazioni fiscali per le ristrutturazioni edilizie già esistenti. L’obiettivo, dichiarato dal Presidente della Regione, Christian Solinas, è risollevare il comparto edilizio, che ha registrato una perdita di 30mila unità in cinque anni.   Bonus ristrutturazioni, 40% aggiuntivo in Sardegna In Sardegna, oltre alla detrazione fiscale del 50% sulle ristrutturazioni edilizie, ci sarà un ulteriore bonus del 40%. La detrazione aggiuntiva sarà limitata alla prima casa e legata alle misure di risparmio ed efficientamento energetico.   La misura rientra in un piano complessivo contro lo spopolamento e il calo della natalità. Il piano prevede un’integrazione, dai 600 agli 800 euro, al reddito delle “giovani coppie in età fertile che decidano di scommettere sulla residenza in un Comune sotto i 3mila abitanti”.   Sardegna,..
    Continua a leggere su Edilportale.com

  4. 21/02/2020 – Il mese di gennaio 2020 segna un aumento nel numero e nel valore dei bandi di progettazione. Sono i dati rilevati dall’OICE, l’Associazione delle società di ingegneria e architettura aderente a Confindustria che, nonostante il quadro positivo, esorta a mantenere alta l’attenzione sugli accordi quadro e i ribassi con cui molte gare vengono aggiudicate.   Bandi di progettazione, l’andamento di gennaio Nel primo mese del 2020, illustra l’OICE, le gare di progettazione sono state 244, per un valore di 48,1 milioni, quasi la metà di questo valore è dovuto a 25 bandi per accordi quadro. Il confronto con il mese di gennaio 2019 è fortemente positivo: il numero dei bandi di gara è cresciuto del 29,8% e il loro valore del 66,7%. Rispetto al mese di dicembre, uno dei mesi migliori del 2019, il numero è in calo del 33,7% e il valore del 24,8%.   OICE segnala la pubblicazione nel mese di gennaio..
    Continua a leggere su Edilportale.com

  5. 20/02/2020 - L'Intesa del 20 ottobre 2016 tra Governo, Regioni e Comuni ha introdotto il Regolamento Edilizio Tipo (RET), previsto dall'art. 4, comma 1- sexies, del DPR n. 380/2001. A partire da quella data, le regioni italiane hanno avviato l’iter di approvazione dei RET regionali, che a loro volta dovevano essere recepiti da parte dei comuni nei tempi previsti. Cosa accade se un comune non ha ancora adeguato il proprio regolamento edilizio al RET regionale?  Quali sono le definizioni edilizie ed urbanistiche da prendere in considerazione? Quelle afferenti al regolamento edilizio del comune stesso o al RET regionale? A queste domande ha dato risposta il TAR Puglia che, con la sentenza 58 del 21 gennaio 2020, ha accolto il ricorso di una S.r.l. alla quale il Comune ha annullato la SCIA alternativa al permesso di costruire e imposto l’immediata sospensione dei lavori.  Lavori che consistevano in demolizione e ricostruzione di un..
    Continua a leggere su Edilportale.com

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità. Clicca su OK per accettare il loro utilizzo.